lunedì 9 febbraio 2009

INTERROMPETE QUELL' INTERRUZIONE!

Ho finora evitato di prendere posizione sulla drammatica vicenda di Eluana Englaro per una molteplicità di motivi.
In primo luogo, per il rispetto che andrebbe comunque tributato ai protagonisti di simili tragedie, tanto profondamente umane e tanto diverse dalle questioni, solitamente a carattere politico o storico, a proposito delle quali chi mi conosce sa che sono invece sempre ben pronto a lanciarmi in ogni disputa con la mia consueta mancanza di preconcetti e peli sulla lingua. In secondo luogo perchè, contrario ad ogni pratica di accanimento terapeutico non meno che a quelle in cui una vita umana di per sè in grado di proseguire il suo corso senza l'aiuto artificiale di fantascientifici macchinari viene soppressa (vedi quindi aborto, eutanasia, pena di morte ecc.), non mi ero ancora del tutto convinto del fatto che quel "nutrimento" costantemente somministrato ad Eluana - non certo a base di pane e salame, bensì di chissà quale pozione preparata da personale medico altamente specializzato ed introdotta nel corpo tanto invasivamente con un sondino - non costituisse, dopotutto, proprio una sorta di accanimento terapeutico, più che un semplice dare da mangiare e da bere ad una donna si affetta da gavissima disabilità, ma con organi vitali perfettamente in grado di funzionare da soli senza ausilii "meccanici", ovviamente a condizione, come avviene per tutti noi, che la persona venga in qualche modo nutrita ed idratata.
In più, ad aumentare la mia perplessità, c'era quella sentenza della Cassazione che autorizzava la sospensione del trattamento alla paziente, di fronte alla quale mi era difficile credere che lo stato stesse avallando, in quel modo, una vera e propria eutanasia; quindi qualcosa doveva per forza sfuggirmi.
Ora, tuttavia, con l'avvio dell'atto finale della vicenda, e quindi con l'intensificarsi del dibattito e delle manifestazioni attorno alla casa di riposo teatro dell'evento "La Quiete" (il cui nome suona, a questo punto, oltremodo ironico), nonchè dei tentativi di ogni genere per cercare di fermare tutto in extremis, qualcosa comincia ad apparire sotto una luce più chiara.
Si: non c'è più alcun dubbio che in quella struttura udinese si stia consumando un omicidio. Un omicidio del tutto particolare, intendiamoci, con moventi che affondano le radici in indescrivibili travagli d'animo e sofferenze nelle decisioni da prendere, un omicidio per certi versi simile a quello che commette la donna che abortisce e non ai delitti, per dire, di mafia, ma pur sempre un omicidio, e non il semplice stacco della spina a macchinari sofisticati che fanno funzionare organi vitali altrimenti già da tempo non più in grado di farlo.
Si è voluto giustificare l'avallo giuridico riconosciuto a questa drastica soluzione sbandierando una "presunta" volontà della paziente di rifiutare una vita nello stato vegetativo di questi ultimi diciassette anni: ella avrebbe cioè assistito, prima di finire lei stessa nelle medesime condizioni, alla vicenda di un caro amico ridotto in quello stato in seguito ad un incidente, e si sarebbe fatta promettere di non essere lasciata vivere in quello stato qualora a lei fosse toccata la stessa sorte.
Ma, domineddio, chi di noi non si è mai lasciato andare ad espressioni del genere, o anche ad altre ancora più "forti", sull'onda delle emozioni provocate da una tragedia capitata a persona cara, non essendo tuttavia, in quel momento, neppure sfiorati dall'idea che davvero quello stesso fatto stesse per colpire anche noi a breve termine? Chi può dire che tale sarebbe ancora oggi, oggi che si trova effettivamente in quella terribile circostanza, il reale desiderio di Eluana, che lei ovviamente non può esprimere?
La contrapposizione tra chi propugna la sospensione del trattamento nutritivo alla donna e chi lotta per la salvezza della stessa non si traduce, come è stato detto e scritto da più parti, nello scontro tra "laici" e cattolici. Da liberale sostenitore dello stato laico e della laicità in politica, anche se intimamente cattolico, dico che provocare la morte di un essere umano interrompendo quella nutrizione che rappresenta la sola condizione affinchè esso possa continuare a vivere, sebbene in condizioni di estrema invalidità, dovrebbe andare contro lo stesso diritto naturale, a prescindere assolutamente da qualsivoglia convinzione religiosa.
Se del terribile vuoto legislativo esistente in Italia in materia di comportamenti da tenersi nei confronti di quelle persone che si trovano purtroppo in vario modo intrappolate in quella sorta di ampia "zona grigia" che sta tra la vita e la morte (dai vari gradi di coma alla morte cerebrale) qualcuno ha saputo approfittare per dare una specie di legittimità ad azioni aberranti, sta ora agli organi competenti, Governo e Parlamento, fare di tutto per porvi rimedio con un'urgenza senza precedenti.
Ed è quello che sembra stiano effettivamente facendo.
Nell'attesa, per carità, interrompete quell'interruzione.
Tommaso Pellegrino

4 commenti:

Ombra ha detto...

Putroppo tutte le parole e discussioni sono state inutili e Eluana è morta tra le pieghe della legge che non esiste.
La corsa contro il tempo della maggioranza, anche molto politicamente pesata, non è riuscita a fermare "omicidio" i cui colpevoli sono da cercare in molte persone.
E poi colpa di chi...il presidente Napolitano, ha voluto essere un serio burocrate che ha messo in pratica solo i dettami della corte costituzionale..assumendo che questo non era un caso particolare e urgente (la morte doveva aspettare che il parlamento, normalemante con movimenti pachidermici, scriverva la legge sul fine vita). Legge che sta raccogliendo favori da entrambi gli schiaramenti, perchè questa non è politica e senso civico e interiore.
Ora speriamo che si riesca a varare la legge e che non vi siano nuove "eluane"

fengfk2008 ha detto...

R
M
seo

SEO是目前最新興的廣告曝光方法,SEO搜尋行銷提供了專業的關鍵字排名與SEO搜尋引擎最佳化服務,讓你的網站在SEO排名遙遙領先,歡迎洽詢SEO的專家 ... SEO自然排名 規劃架設seo seo網站 專業關鍵字公司1通電話幫您把網站排名到第1頁、 想要讓自己的網站大量曝光嗎? ...

宜蘭民宿

a383



6

j

商標註冊/專利申請達人 ha detto...

商標達人,
商標達人,
商標達人,
商標達人,
商標達人,
商標達人,
商標達人,
商標達人,
商標達人,
商標達人,
商標達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
專利達人,
律師費用,
當舖專業網,
關鍵字排名,
存證信函達人

酒店上班請找艾葳 ha detto...

艾葳酒店經紀提供專業的酒店經紀,酒店上班,酒店打工、兼職、酒店相關知識等酒店相關產業服務,想加入這行業的水水們請找專業又有保障的艾葳酒店經紀公司!
艾葳酒店經紀是合法的公司、我們是不會跟水水簽任何的合約 ( 請放心 ),我們是不會強押水水辛苦工作的薪水,我們絕對不會對任何人公開水水的資料、工作環境高雅時尚,無業績壓力,無脫秀無喝酒壓力,高層次會員制客源,工作輕鬆。
一般的酒店經紀只會在水水們第一次上班和領薪水時出現而已,對水水們的上班安全一點保障都沒有!艾葳酒店經紀公司的水水們上班時全程媽咪作陪,不需擔心!只提供最優質的酒店上班環境、上班條件給水水們。